Seleziona una pagina

Fe.l.p

Festival delle letterature
di policoro

26 Gennaio – 3 Febbraio 2019

Piazza Heraclea – Policoro – MT

I Edizione
Righe Tempestose

Mediterraneo in Giallo

L’idea di organizzare una rassegna letteraria nasce dall’esigenza di mettere in pratica l’esperienza acquisita dall’Associazione “Presidio del libro-Magna Grecia” nel corso degli anni nel campo dell’animazione culturale.

Il “Fe.L.P.”, acronimo di Festival delle Letterature di Policoro, avrà cadenza annuale e si svilupperà per tre  giorni nel mese di febbraio, in maniera da promuovere la città anche nel periodo invernale.

Nel corso degli anni tratterà diversi generi letterari che vedranno la presenza di autori, editori, giornalisti, animatori culturali.

La prima edizione, quella del 2019, sarà dedicata al genere letterario “Giallo” e avrà come sottotitolo: “Righe Tempestose – Mediterraneo in Giallo”

appuntamenti
da non perdere

ven 1 febbraio

ore 16.00
Fahrenheit451 Caffé Letterario

Inaugurazione della 1° edizione del Fe.L.P.
“Novel in Progress” con Alessandro  Maurizi

sab 2 febbraio

ore 19.30
Biblioteca Comunale

Incontro con lo sceneggiatore/scrittore 
Biagio Proietti: un visionario felice.

ore 21.00 – Fahrenheit451 Caffé Letterario

Musica e Letteratura: un caldo incontro.

Concerto di Tatiana Tarsia

dom 3 febbraio

ore 10.30  Biblioteca Comunale

Tavola Rotonda:
La fortuna del Giallo Italiano e il ruolo dei festival di genere

Interverranno:

Carlo Frilli
fratelli Frilli editori

Paolo Mirti
direttore artistico del festival di Senigallia “Ventimilarighesottoimari in giallo”
Piera Carlomagno 
Presidente SalerNoir Festival  “le notti di Barliario” 

Sabrina De Bastiani
redattrice “Thriller Nord


ore 12.00 –  
Biblioteca Comunale

Incontro con Maurizio De Giovanni:
La Napoli di Luigi Alfredo Ricciardi e Giuseppe Lojacono

Premio letterario felp

L’Associazione Culturale “Presidio del Libro-Magna Grecia” si prefigge di promuovere e diffondere il piacere della lettura, ma anche di stimolare l’interesse per la scrittura.

A tal fine, nell’ambito del Festival delle letterature di Policoro bandisce la prima edizione del Premio letterario    “Fe.L.P.” rivolto a tutti gli appassionati del genere “giallo”, dai più giovani (Under 18) ai meno giovani (Over 18).

Per il tema e i criteri leggere il Regolamento.

gli autori presenti

È uno scrittore e giornalista romano. Ha diretto in passato un blog – magazine di grande successo e oggi scrive principalmente di cronaca nera e di cinema collaborando con diverse testate nazionali. Ama il cinema francese, il “noir” e la “nouvelle vague” sono i suoi ideali narrativi più alti a cui si ispira.  Ha appena pubblicato il suo quarto libro dal titolo “Mirella Gregori – Cronaca di una scomparsa” . Con il libro “Marta Russo – Il Mistero della Sapienza” ha vinto l’undicesima edizione del premio letterario Costa d’Amalfi letteratura 2017.

Mauro Valentini

Alessandro Maurizi nasce nel 1965 a Tuscania. Sovrintendente Capo della Polizia di Stato, vive e lavora a Viterbo. Dal 2011 è il presidente dell’Associazione Letteraria Mariano Romiti alla quale è legato l’omonimo premio dedicato alla letteratura noir e poliziesca giunto alla settima edizione. Nel 2008 esce il suo primo romanzo “L’ultima indagine” (Ciesse Edizioni), secondo classificato al Premio Fedeli. Dal 2010 pubblica numerosi racconti in diverse antologie. Da anni organizza eventi culturali collaborando con Caffeina Festival di cui l’Associazione Letteraria Mariano Romiti è tra i soci fondatori. Dal 2016 è direttore generale di Ombre Festival, un’importante manifestazione culturale che si svolge a Viterbo nel mese di luglio.

Alessandro Maurizi

sceneggiatore, regista e scrittore italiano, attivo in cinema e televisione fra gli anni Settanta e gli anni Ottanta. Ha legato il suo nome ad alcune produzioni per il cinema horror, fra cui il film del 1981 Black Cat (Gatto nero) la cui regia cinematografica è firmata da Lucio Fulci.In televisione il suo primo successo è stato “Coralba”; in seguito ha firmato, creato e sceneggiato tutti gli episodi della serie televisiva “Dov’è Anna?” e della miniserie sull’investigatore-dandy PhiloVance, portato sul piccolo schermo da Giorgio Albertazzi.Ha lavorato anche per la radio per la quale ha scritto e diretto “Il lungo addio” e “Aspetterò” di Raymond Chandler e gli originali “Tua per sempre, Claudia” e “Così è la vita” in collaborazione con la moglie, Diana Crispo.Per il teatro ha scritto due piece dedicate a due mostri della letteratura del mistero: “L’ultimo incubo” di Edgar Allan Poe” e “Hammett N. 3241”. Nel 2014 è uscito il romanzo “Dov’è Anna?”  per 21 Editore, anch’esso scritto con Diana Crispo. Attualmente fa parte del Consiglio di gestione della SIAE e del direttivo di Writers Directors Worldwide.

Biagio Proietti

Nata nel 1965 e abita vicino al mare, a pochi chilometri da Bari. Ha scritto numerosi libri e ha inventato il personaggio del commissario Lolita Lobosco, la poliziotta più sexy del Mediterraneo,definita dalla critica la Montalbano al femminile e protagonista di alcuni romanzi pubblicati da Sonzogno, come La circonferenza delle arance (2010), Giallo ciliegia(2011), Uva noir (2012), Gioco pericoloso (2014), “Spaghetti all’assassina” (2015), Mare nero (2016). Ha vinto numerosi premi letterari e molti suoi racconti sono presenti in antologie. Alcuni suoi articoli sono pubblicati sulle più importanti testate nazionali. In un recente sondaggio del Corriere della Sera, insieme a Camilleri è risultata la giallista più amata in Italia. Di recente Luca Zingaretti ha opzionato i diritti televisivi del commissario Lolita. La serie del Commissario Lolita è tradotta in molti paesi.

Gabriella Genisi

Piera Carlomagno, giornalista professionista, scrive su Il Mattino e cura la Comunicazione per alcuni Enti.Il suo ultimo romanzo giallo, “Intrigo a Ischia”, pubblicato da Centauria Libri nell’aprile 2017, ha vinto il Premio Speciale Giuria Costa D’Amalfi Libri e la Menzione Speciale Giuria Premio Giallo Garda III edizione 2017.  Anche i racconti e i romanzi scritti in precedenza, come  Le notti della macumba” (2012), “L’anello debole” (2014), “Corte Nera” (2014), Per l’attività di giornalista e autrice di romanzi ha ricevuto ancora i Premi Libri Meridionali (2014), Principessa Sichelgaita (2015) e la medaglia d’oro alla carriera dell’Associazione Giornalisti Salernitani (2017). Ha ideato e curato le antologie noir “I delitti della città vuota” e “I delitti della gelosia” (giugno 2016 e gennaio 2017). Altri racconti sono presenti in antologie. Ha scritto per il teatro il monologo: “Il giorno prima della sentenza”, messo in scena al teatro del Giullare di Salerno nel febbraio del 2017. E’ presidente dell’associazione “Porto delle nebbie” che organizza “SalerNoir Festival, le notti di Barliario” e collabora con il Salerno Letteratura. E’ laureata in Lingua e letteratura cinese e ha tradotto un’opera teatrale del Premio Nobel Gao Xingjian.

Piera Carlomagno

Nata a Varazze (SV), risiede attualmente a Genova. Sposata, ha due figli. Ha conseguito la maturità classica al Liceo “Gabriello Chiabrera” di Savona. Iscritta all’Università di Genova si è laureata in Scienze Biologiche e specializzata in Patologia Generale. Ha lavorato in qualità di Dirigente Biologa all’Ospedale San Martino di Genova. Fin da bambina ha amato la lettura e la scrittura.

Maria Teresa Valle

Mariolina Venezia (Matera, 1961) è una scrittrice e sceneggiatrice italiana.Vive a Roma, dopo aver vissuto a lungo in Francia.È autrice del romanzo che nel 2007 ha vinto il premio Campiello: “Mille anni che sto qui,  saga familiare ambientata a Grottole, piccolo Comune della Basilicata, che narra le vicende umane di cinque generazioni dall’Unità d’Italia fino alla caduta del muro di Berlino.Nel 2009 si è cimentata con il genere del giallo, pubblicando per Einaudi “Come piante tra i sassi, ambientato a Matera, nuovamente in Basilicata. Segue il romanzo “Da dove viene il vento”, pubblicato sempre per Einaudi, e infine  Maltempo” e “Rione Serra Venerdì”, nei quali ritorna come protagonista Imma Tataranni, la stessa PM conosciuta in “Come piante tra i sassi”.Ha pubblicato diverse raccolte di poesie e ha lavorato come sceneggiatrice di fiction televisive, tra cui  “La squadra“, “Don Matteo e numerose altre serie.

Mariolina Venezia

Nato a Torino nel luglio del 1972, si è  laureato in Scienze della comunicazione con una tesi in Semiologia del cinema sul personaggio di Totò nell’Italia del dopoguerra.
Il cinema, la scrittura e il teatro sono da sempre le sue più grandi passioni.
Tra il 2001 e il 2002 alcuni suoi racconti (Internet permettendoLa sfida dei drammi e Appuntamento con la signora) sono stati citati o pubblicati sulla rivista per giovani scrittori Inchiostro.
“Crisantemi a ferragosto” è il suo romanzo giallo d’esordio, cui ha fatto seguito nel 2010Appello mortale”.
Ha collaborato, in qualità di sceneggiatore, per la produzione di cortometraggi, ha scritto  soggetti per videoclip. Maggio 2012 segna l’uscita di “Favola Nera”, scritto in collaborazione con lo scrittore Andrea Monticone e a gennaio 2013 inizia la collaborazione con la casa editrice  Fratelli Frilli con cui pubblica il noir “Trappola a Porta Nuova”.
Sempre nel 2013 ha debuttato come autore teatrale con la commedia “Operazione marito infedele” e nel 2014 ha firmato l’ebook “Le sette vite del Capitano” dedicato alla figura del calciatore Alessandro Del Piero. Dal 2018 è il curatore della collana di gialli per ragazzi I FRILLINI, che comprende anche il suo giallo “I gemelli Misteri e l’invasione zombie”.
Figura  tra i soci fondatori del gruppo di scrittori Torinoir  e tra gli organizzatori del Festival letterario Montagne in noir.

Rocco Ballacchino

Maurizio de Giovanni è nato nel 1958 a Napoli, dove vive e lavora. Nel 2005 partecipa a un concorso riservato a giallisti emergenti indetto da Porsche Italia presso il Gran Caffè Gambrinus, Inventa quindi un racconto ambientato nella Napoli degli anni trenta intitolato I vivi e i morti, con protagonista il commissario Ricciardi. Il racconto è la base di un romanzo edito da Graus Editore nel 2006Le lacrime del pagliaccio, poi riedito l’anno successivo con il titolo Il senso del dolore: ha così inizio la serie di inchieste del Commissario Ricciardi.Nel 2007 Fandango pubblica Il senso del dolore. L’inverno del commissario Ricciardi, la prima opera ispirata alle quattro stagioni, cui seguono nel 2008 La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi, nel 2009 Il posto di ognuno. L’estate del commissario Ricciardi e nel 2010 Il giorno dei morti. L’autunno del commissario Ricciardi.Nel 2011 esce in libreria, questa volta per Einaudi Stile LiberoPer mano mia. Il Natale del commissario Ricciardi; nel 2012 l’autore si cimenta in un noir ambientato nella Napoli contemporanea e pubblica con Mondadori il libro intitolato Il metodo del coccodrillo che vede protagonista l’Ispettore Lojacono, un nuovo personaggio.Nello stesso anno con Einaudi, oltre a pubblicare le stagioni del commissario Ricciardi in versione tascabile, pubblica il romanzo Vipera. Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi, ambientato nella Pasqua del 1932.Nel 2013 torna in libreria con il romanzo I bastardi di Pizzofalcone, ispirato all’87º Distretto di Ed McBain, segnando la transizione del personaggio dal genere noir al policeprocedural. Non molto tempo dopo De Giovanni dà alle stampe Buio per i bastardi di Pizzofalcone; da questa serie di romanzi sarà tratta una fiction televisiva.Nello stesso mese all’interno dell’antologia Regalo di Natale edito da Sellerio esce un suo racconto dal titolo Un giorno di Settembre a Natale.Nel 2014 per le Edizioni Cento Autori esce in libreria l’antologia intitolata Le mani insanguinate, una raccolta di quindici tra i suoi migliori racconti noir.Esce a luglio 2014 In fondo al tuo cuore, sempre per Einaudi, nuovo romanzo del commissario Ricciardi e nello stesso anno Gelo per i bastardi di Pizzofalcone, un nuovo racconto incentrato sulla squadra dell’Ispettore Lojacono.Nel luglio 2015 esce Anime di vetro. Falene per il commissario Ricciardi e l’anno successivo Serenata senza nome. Notturno per il commissario Ricciardi.Nel dicembre 2016 esce Pane per i bastardi di Pizzofalcone.L’anno 2017 vede la pubblicazione del primo di una nuova trilogia di libri di genere mistery chiamata ‘I guardiani’.Nel dicembre 2015 il comune di Cervinara gli conferisce la cittadinanza onoraria.Molti dei suoi romanzi sono stati tradotti in inglesespagnolo e catalano, in tedesco e francese.Fa parte del gruppo di scrittori che conducono il laboratorio di scrittura con i ragazzi reclusi nell’Istituto Penale Minorile di Nisida.

Maurizio De Giovanni

Figlio di Marco Frilli che ha dedicato la maggior parte dei suoi 68 anni di vita ai libri e all’editoria Carlo è  sempre stato sin da giovanissimo un grande lettore. Come  promotore editoriale ha lavorato per Mondadori e Laterza. Oggi dirige a Genova la casa editrice Fratelli Frilli, specializzata nella pubblicazione di romanzi gialli e noir.

Carlo Frilli

Nasce a Ferrandina (MT) il 28/01/1964 da genitori insegnanti, ultimo di quattro figli. La famiglia nel 1972 si trasferisce a Bari dove frequenta le scuole elementari e medie, ottenendo la maturità tecnica di geometra e laureandosi in Ingegneria civile presso il Politecnico di Bari. Sposato con Linda, conosciuta sin dai tempi dell’università, ha due amorevoli figlie, Aurora e Bianca. Lavora attualmente nella pubblica amministrazione.

Ha suonato in un gruppo musicale, da lui stesso fondato negli anni ottanta, da sempre amante della musica rock italiana, e, fra tutti la PFM, della quale è un estimatore. Ha la passione della fotografia, dei film horror e del fumetto italiano, colleziona ancora Tex Willer.

Nel 2013, in un momento particolare della sua vita, scrive un libro di fiabe illustrato con disegni di cui lui stesso è stato l’autore, dal titolo FIABE E RACCONTI PER OGNI NOTTE per la casa editrice WIP EDIZIONI di Bari.

Nel dicembre 2014, decide di passare al noir creando il personaggio del Maresciallo Prisciandaro, ambientato nella Matera degli anni sessanta, in ossequio alla Benemerita e alla città di Matera, di fresca nomina di Capitale europea della cultura del 2019. Pubblica il primo episodio delle storie del maresciallo Prisciandaro dal titolo LA FESTA INSANGUINATA sempre per la WIP Edizioni.

Nel gennaio 2016, sempre per la WIP, pubblica il secondo episodio dal titolo UNA TRAGICA BATTUTA DI CACCIA, ambientato questa volta in un paese lucano in cui la scaramanzia e l’arcano sono sovrani.

A distanza di due anni, nel gennaio 2018, esce il terzo episodio, dal titolo IL CANTIERE MALEDETTO (WIP), ambientato in un altro paese della cintura materana, dove alla ripresa dei lavori in una chiesa mai completata si susseguono misteri e colpi di scena.

Francesco Serafino

Massimo Lerose, classe 1978, poliedrico uomo di cultura e spettacolo, è un attore e scrittore, con una carriera trentennale sul palcoscenico e oltre dieci anni nel mondo dell’editoria.

Come drammaturgo ha sempre scritto commedie poi rappresentate in teatro. Nel 2008 pubblica il suo primo libro, “Apnea” (Prospettivaeditrice. Seconda edizione, aggiornata, 2016 per Innuendo Editore). Si tratta di un giallo classico che nasconde, però, ciò che i protagonisti vivranno negli altri 3 romanzi, che diventeranno dei thriller con una connotazione anche storica: “Malaria” (Prospettivaeditrice, 2009), “Il Solitario” (Prospettivaeditrice, 2011) e “Il Bastardo” (Innuendo Editore, 2014). 

La prima volta che ha calcato un palcoscenico aveva tre anni. Da allora ha trasformato la sua passione in un mestiere, studiando tanto fino a conseguire la Laurea in Arti e Scienze dello Spettacolo e frequentando nello stesso periodo lAccademia “Carlo Terron” e diverse compagnie teatrali.
È il Regista della Compagnia Teatrale La Zanzara si occupa del progetto Little Teatro, dalla stesura del programma formativo alla parte pratica del laboratorio, curando i bambini e i ragazzi sia come singoli che come gruppo di lavoro.

Scrive, dirige ed interpreta molti dei suoi spettacoli fra cui, da ormai dieci anni, le sue famose “Cene con Delitto” in chiave giallo-comica.

Nel maggio 2013 ha fondato la Innuendo Editore, una piccola casa editrice indipendente.

La Innuendo si occupa di parole in tutte le sue forme: parole narrative, parole poetiche e parole sagge.

Massimo Lerose

PARTNER ISTITUZIONALI

PARTNER

PARTNER PRIVATI

Fe.L.P